Italia Wave e Salento

Italia Wave e Salento, progettazione per evitare la debacle
martedì 15 febbraio 2011
Strutturalismo geoculturale in ambito di analisi di strutture culturali, location e sviluppi concreti sostenuti da progettazione, pianificazione sistematica dell’aspetto socio-culturale dell’evento impone uno sguardo sull’assetto sincronico del territorio Salento e possibili sviluppi da osservare, dunque, in relazione all’attuale stato di salute del territorio. Salento e Italia Wave, progettazione la parola d’ordine per evitare la debacle. Possibili location riportano luoghi come lo stadio comunale di Lecce come palco più importante, ma ad analisi attenta viene meno l’aspetto proprio di un festival che è quello del rock, di un rock che nasce dalle cantine, dagli spazi soggetti al margine che diventano, però, incontro e convivenza, che è nel nome dell’evento – Italia Wave Love Festival – e che non è, invece, nello spazio chiuso claustrofobico dell’evento domenicale, dello sfogo da bolgia calcistica. In altra ipotesi viene proposta la soluzione di un festival urbano, ma, sembra, dimenticandosi sempre più spesso che la stessa città di Lecce subisce l’afflusso di genti provenienti dalla Puglia nei giorni della notte bianca leccese come un tilt. Italia Wave è sì un bene per il Salento, ma non lo è aprioristicamente. Si sarà capaci di pianificare la distribuzione del festival in strutture, location adeguate ad assorbire nel migliore dei modi l’afflusso di quanti, dall’Italia, saranno in Salento nei 4 giorni previsti per il festival? Pianificare attentamente per evitare l’esecuzione grossolana superficiale e porre salde basi per un futuro che possa vedere la cultura (nel caso specifico quella musicale) come dimensione sulla quale puntare ed investire senza, peraltro, la necessità d’importare un qualcosa, ma con la capacità di costruire da sé.

f.a.

http://www.salentoinlinea.it

Italia Wave e Salento, le ragioni di un incontro
martedì 08 febbraio 2011
Italia Wave Love Festival, erede dell’ormai storico Arezzo Wave, il più importante tra i festival italiani, fra rock e dintorni, world music e contaminazioni, sarà nel Salento dal 14 al 17 luglio.

Arezzo Wave o Italia Wave, come dir si voglia, e Salento, motivi di un intreccio che affonda il suo muoversi, assorbirsi in una realtà nuova, diversa, nelle potenzialità di un territorio che è sottile striscia di tempo innervato di un aspetto culturale che è fuga e ritorno, incontro e scontro del sé che si figura nell’accoglienza, nell’abbraccio sbiadito degli anni che passano e scolorano nella schiuma del mare.
Goethe diceva che la forza dell’Europa stava nel suo tendersi dall’infinita vita presente in natura verso l’infinità. La scia era quella di un’Europa frastagliata da chilometri di coste che aveva in sé la grande forza del tendersi. Ecco. In questo “cosmo” europeo la particolarità salentina. Un microcosmo che tende la propria immagine in un continuum di spazio e tempo, nell’eterno gioco dialettico del confronto, dell’incontro in una carezza d’altrove.
Da qui la sensazione che il Festival in Puglia e, nel caso specifico, nel Salento, possa trovare una sua giusta dimensione al di fuori della sopportazione, ma anzi, nei territori del fare culturale, come matrici di pensiero dinamico che portano il Festival in un caldo clima di accoglienza.
Italia Wave ha ospitato, nel corso degli anni, Ben Harper, Nick Cave,  Moby e questi sono solo alcuni dei nomi internazionali che hanno caratterizzato il Festival ed ai quali si affiancano quelle band del rock italiano lanciate proprio dalla “platea” del sentire underground del prestigioso palco dell’Italia Wave, e fra questi vanno menzionati artisti come Afterhours, Marlene Kuntz, Mau Mau, Almamegretta, I Ministri ecc… che hanno caratterizzato gli ultimi scenari della musica italiana.

Ialia Wave avrà modo di svilupparsi e diramarsi sul territorio salentino in quattro intense giornate che vedranno lo stadio comunale di Lecce come palco principale dell’evento, l’aeroporto di Lepore che ospiterà la musica dei Dj di Elettrowave e, ancora, le spiagge salentine, per un itinerario musicale che sarà caratterizzato da una serie di appuntamenti internazionali che porteranno, in questo 2011, l’importante Festival all’estero.

F. A.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: