1. diagnostica

1. diagnostica

scriveremo sulla calce viva
a prostrare il silenzio
dei versi ancora da compiere.
ne berremo sazi la vendemmia
a farci sudare la fronte
prima che ne sgoccioli solo aceto.
e nudi. incideremo lettere di sangue
sui nostri corpi ammassati
a sventrare tutto l’amore mai nato.

november 2011
_f. aprile, 1. diagnostica, published on Contrabbando Poetico Affittasi Versi, in january 2012

Annunci

  1. ho interrato chili di amore abortito, e nonostante l’astio, il rancore, i rimpianti intermittenti mi sto sforzando d’innaffiarlo con cura e abbondanza. magari anche in questi amori “storti” qualche seme buono c’è

    • penso anch’io che ci sia qualcosa di buono anche nei rapporti andati a male. ma ho guardato a questo testo, prima ancora di scriverlo, come guardo alla deriva dei rapporti umani declassati, in questi nostri anni, dalle lontananze tecnologiche che in pochi secondi stringono rapporti tessendo dialoghi incapaci, a volte, di inscriversi nella nostra formazione umana. penso ai bambini abbandonati davanti ad un televisore a far entrare nelle loro teste, per il tempo di una giornata intera, videogames che ne destrutturano lo sviluppo della vita psichica e bla bla bla (non mi piace molto commentare, nemmeno sui miei post, preferisco leggere, come leggo dai tuoi, o ascoltare) a tutto questo penso. e soprattutto al fatto che tanti siano davvero abbandonati ad uno spazio fatto di cose e cose e cose. a tutto questo, certo, preferisco i rimpianti, l’amore abortito e interrato da annaffiare con cura, come dici tu. anche da lì qualcosa ci resta.

  2. i bambini già. chissà quali disastri emotivi e relazionali ci rimprovereranno, giustamente, di qui a qualche anno.
    certo talvolta gli adulti non è che stiano messi meglio 🙂 ieri parlando con una persona, spontaneamente, forse anche con un filo d’ingenuità, mi son trovata a raccontare quanto io ami la rucola, il suo scrocchiare sotto i denti, la sensazione di quell’amarognolo. il mio interlocutore mi ha guardato con un’aria tra lo sconcertato ed il compassionevole…

    • il tuo interlocutore doveva aver avuto qualche disastro allora, emotivo o chissà 😉
      il discorso, già me lo immagino, sono certo che doveva essere spettacolare. mi sarebbe piaciuto intervenire 🙂

      ps.: sì, la rucola vince.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: