_non si esce vivi dagli anni ’80

Beautiful Freaks, numero 40, primavera 2012, disponibile il download!

Scarica il numero in formato Pdf cliccando sulla copertina.

Interviste: Gill&Co, Mardi Gras, L’Orso

Rubriche: 33 Giri di Piacere, Chi l’ha Visti?, L’opinione dell’Incompetente, Diario di Bordo a 40°

Articoli: CicloInVerso

Libri&Poesia: Chiara Caporicci “Musica indipendente in Italia”, Francesco Aprile “Non si esce vivi dagli anni 80″, Littlerunner “Conclusioni”

Recensioni: 12 Corde, ADD, Alos + Xabier Iriondo, Altremolecole, Amelie Tritesse, Benzina, Bi-Polar Sluts, Bona Head, Carmen Palmieri, Dallas Kincaid, Daniele Gottardo, Dasauge, Dave Parsons, Delsaceleste, Desert Motel, Diathriba, Diego Leanza, Dogs In A Flat, Duranoia, Es, Fallingice, Faro, Fiori di Plastica, Flavour, Flash Forest And The Elephant Only Zoo, Freddocane, Gioccardo, Grimoon, Hank, Il Cane, In My June, Infranti Muri, June 1974, Kamijaze Queens, Kid Chocolat, Laboratorio Musicale, Last Night Of The Revels, Marco Notari, Massimo Ruberti, Maurizio Pirovano, Maya Galaticci, Multicolor , N-Quia, Pablo e Il Mare, Paul Is Dead, Plootoh, Psiker, Rather Unwise, Rhumor Nero, Riaffiora, Seamus O’Muneachain, Sweet Vendetta, The Great Northern X, The Megs, The Right Place, The Secret Tape, Try Walking In My Shoes, Tutto il Buio, Z-Noise, Zoo Park, Zwei Samkeit

Francesco Aprile, _non si esce vivi dagli anni ’80

la birra ora calda sul tavolo. riviste_ un tempo in pile regolari_ ora. il disordine tutto intorno|
e macchie di sangue. la finestra aperta ed una forte corrente. Nello stereo qualcuno  urlava che non si esce vivi dagli anni ‘80.
/////////////////////////////////////////////////////////////////////

/////////////////////////////////////////////////////////////////////

/////////////////////////////////////////////////////////////////////
ma andiamo per ordine. la porta era socchiusa. provando a bussare ne scoprì l’inaspettata apertura. uno spiraglio di vento fra i capelli. sul viso. il disordine volato via. che provavo a raccogliere a mo’ di neve nel cielo. un colpo alla nuca. il mio sangue. sopra il suo sangue. la finestra ancora aperta. e di nuovo nessuno nella stanza. mentre lo stereo «lo sai cosa non mi piace di questo baraccone?» .
è terribile come la successione degli accadimenti possa coincidere con le parole di una canzone. è terribile come le nostre storie possano confidarsi l’una con l’altra, sostenendo lo sguardo ripido di una canzone vecchia una decina d’anni. mentre le situazioni cambiano. gli accadimenti scorrono. le parole mi si sfumano nella gola dopo un colpo alla nuca, sangue a risacca dalla mia nuca sgorga s’infrange torna ritorna, destituisce le mie ultime parole mai nate. il mio sangue ancora caldo ravvivava la pozza gelida del suo sangue sgorgato in precedenza, una confusione di stimoli intensa. un orgasmo ha aperto l’uscita di sicurezza che non si richiuderà. i nostri corpi coperti dalla notte reclamano i titoli di coda.

Francesco Aprile

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: