Otium thalassiale

 

Tratto da: Ozio, catalogo mostra d’arte, presso Art & Ars Gallery, Galatina (le), a cura di Lorenzo Madaro.

http://ozioart.blogspot.it/2012/08/normal-0-14-false-false-false-it-x-none.html

Otium. O della dimensione del creare. O dell’abbandonarsi al ritmo della produzione poietica, della ripetizione archetipa che sostanzia il reale, comune universale, districata nella dimensione del sogno, come produzione, come ritorno thalassiale, come fonte foce e letto dove la pulsione scorre, nell’intima condizione della ripetizione poietica che origina, del reclamare il diritto all’interrupt sociale, in un contesto degenerativo che condiziona, crea e ricrea assorbendo la dimensione sognante, astraendola per destrutturazione, divisione. E distruzione, dissolvendola. Quando cediamo in pegno questa nostra dimensione, siamo dimentichi della nostra esistenza, conformati alle estensioni della condizione primigenia replicante e replicata dalle new-tecnologie sociali. Il corpo della madre, il primo media. Un pezzo di sesso dimenticato. Oggi. Mirror media che annullano, privano reprimono. Impediscono il ritorno ad un io che è un noi che è altro da noi. Il sogno il sogno. O dell’otium thalassiale, fuori dalla dialettica sociale odierna che ci determina in quella «peu de realité» lacaniana, costituente più che costitutiva.

Francesco Aprile, poeta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: