OTOLITHS A MAGAZINE OF MANY E-THINGS 

OTOLITHS

A MAGAZINE OF MANY E-THINGS

ISSN 1833-623X

Issue fifty-one Date of Publication November 1, 2018.
Individual pieces Copyright © 2018 by their respective creators

Editor: Mark Young

https://the-otolith.blogspot.com/2018/10/issue-fifty-one-southern-spring-2018.html

Francesco Aprile, Latenza, 2015

first set of pages
second set of pages
third set of pages
fourth set of pages
fifth set of pages

Annunci

Git poem @ Electronic Cottage

Git poem @ Electronic Cottage
https://www.electroniccottage.org/francesco-aprile/git-poem#

Git (/ɡɪt/) is a version-control system for tracking changes in computer files and Paracetamol is reported as an ingredient of Tachipirina the core component of an operating system. Using inter-processes medication guide provided by your pharmacist communication coordinating work on those files among multiple people. Take this medication primarily used for source-code management in software development, but use a teaspoon to remove the fibrous ‘choke’ buried in the centre. Discard. Trim top off and pare down the leaves which cover the base of the revision-control system. Place artichokes on top of the steaming basket, it is aimed at speed, data integrity, and support for distributed, non-linear workflows for 25 to 35 minutes or longer, until the outer leaves can easily be pulled off. Expose this poem with artichokes non-linear workflow. Repeat: workflow of flow poems pose expose exposistance. The sense of poem? As birth.
The raw performance characteristics of Git are very strong when compared to many alternatives. Committing new changes, branching, merging and comparing in combination with other medications, such as in many cold medications all optimized for performance. The algorithms implemented inside Git take advantage of deep knowledge about serious skin rashes may rarely occur, and too high a dose can result in liver failure. It is the most commonly used medication attributes of real source code file trees, how they are usually modified over time and what the access patterns are. Overturning of a versioning system. The poem consists of traces versioned, as in writing. Git poem is a short circuit in the grammar git, insert cracks in a given workflow. Poem (as a crack) in a technical workflow. (f. a.)

Zen Poem @ Electronic cottage compilation 004, July 2018

https://bandcamp.com/EmbeddedPlayer/album=3471407139/size=large/bgcol=ffffff/linkcol=0687f5/tracklist=false/track=3067447667/transparent=true/

ELECTRONIC COTTAGE Compilation 004

ELECTRONIC COTTAGE Compilation 004
is now available
featuring recordings by 34 members
of the Electronic Cottage international community
free streaming audio
$1 minimum downloads
and CDRs available for purchase
1. Ditlev Buster — Welcome to the EC compilation
2. Frank — That’s how I would like to be remembered
3. {AN} EeL — The Quaker’s Staff & The Dutch Oven
4. Thomas Park — Rite Cycle
5. Juan Angel Italiano — Barrio Tassano
6. Jack Hz — Don’s Refrigerator Makes the Best Cottage Cheese
7. Shaun Robert — Gregorius
8. Don Campau — Too Hot For Hands
9. Rafael González — Electronic Cottage Theme
10. Walls Of Genius — Escape Of The Madman
11. Swami Loopynanda — Twisted In Space
12. John M. Bennett — ILB’AL
13. Ken Montgomery — Kisses
14. Eduardo GOZNE — The Great Flood (Genesis 7.12)
15. Lord Litter — Workshop
16. Phillip Klampe — Merlin’s Gesture
17. Dylan Houser — Stop-Motion Zombie Frycooks on the Moon
18. osvaldo cibils — soundart28june2018 – the bombilla distortions
19. Chris Phinney —  Slap Shot
20. Jim Barker — Pile Driver Folk Dinner
21. Lumen K — A Shaman Prays For Hal McGee
22. Aimee Grace Naworal — Haint Blue
23. Adam Naworal — Suomi (for P. Airaksinen)
24. Seiei Jack — The Fake Project
25. Jen Sandwich — False Memories
26. Shatter Wax — Electro Acoustic Cottage Visitation
27. John Wiggins — JAN Zoom Samples String (2018)
28. Dave Fuglewicz — The Near Bygone Days
29. Jeff Central — HAL No
30. Francesco Aprile — Zen poem
31. W.A.Davison — Broken Radio Loops
32. Hal McGee — microcassette assemblage for Electronic Cottage
33. Hal Harmon — Zap…Yer Dead On Arrival
34. David Nadeau — Cenestopathical Caroussel

E-ratio, n. 26, 2018

E-ratio, n. 26, July 2018

with new work by Erica Bernheim, Hugh Behm-Steinberg, Parker Tettleton, Miriam Borgstrom, Oz Hardwick, Mark DuCharme, Marty Cain, Erik Fuhrer, C.R.E. Wells, Barnaby Smith, Jonathan Riccio, Wilna Panagos, Michael Mc Aloran, Jude Cowan Montague, Francesco Aprile, Jasper Brinton, Timothy Robbins, Eileen R. Tabios, Sean Howard, Rich Murphy, Ian Gibbins, Sarah Bartlett & Barret Thomson

and featuring

ANYTHING CAN HAPPEN
a conversation with artist Noelle Barce

and an E·ratio Editions E·Chap special —

The White Album by Adam Fieled

http://eratiopostmodernpoetry.com/issue26.html

e·ratio is edited by Gregory Vincent St. Thomasino with contributing editors Joseph F. Keppler, Jacqueline Winter Thomas and Coleman Stevenson

E·ratio has been online for fifteen years and has consistently presented a diversity of new, first-time and emerging writers alongside some of the most recognized writers of our time. E·ratio will never ask for a donation. Please support us with a “Like” on our Facebook Page or “Follow” us on Twitter.

 

Francesco Aprile, visual poetries, E-ratio, n. 26, July 2018: E·ratio 26 · 2018 · Francesco Aprile (Pdf)

Link: http://www.eratiopostmodernpoetry.com/issue26_Aprile.html

Frequenze poetiche, a cura di Giorgio Moio, n. 9 – Maggio 2018.

Frequenze poetiche, a cura di Giorgio Moio, n. 9 – Maggio 2018.
https://ita.calameo.com/read/004864939c6a85eeaba00

 

INDICE

POETI – SCRITTORI – DONNE E UOMINI ILLUSTRI DEL PASSATO
– Maria Farina, Eleonora Duse…………………………………. p. 5

POETI DA RICORDARE
– Octavio Paz, Henri Michaux: viaggio nell’abisso………….. ” 9

CRITICA LETTERARIA & D’ARTE
– Antonnio Sacco, Relazione tra poesia e pittura…………. ” 17
– Javier Josè Rodriguez Vallejo, Baudelaire una lucié rnaga que illumina una biblioteca de Arteaga………………………… ” 22

POESIA ITALIANA CONTEMPORANEA
– Leopoldo Attolico, La musica è finita………………………………………… ” 27

POESIA STRANIERA CONTEMPORANEA
– Carlos Vitale, Jornada y otros poemas…………………………………….. ” 31

POESIA VISUALE – SCRITTURE ASEMANTICHE – ARTI VISIVE
– Carlo Bugli, Senza titolo………………………………………………………….. ” 25
– Fabio Strinati, Quattro musichevisuali………………………………………. ” 31

PROSA – AFORISMI – HAIKU
– Michele Nigro, 1978 – 2018: comunicato n.7…………….. ” 40

RIVISTE DI LETTERATURA
– Raffaele Giglio, «Critica Letteraria». Una rivista
napoletana………………………………………………………………. ” 53

DISCUSSIONI & INTERVISTE
– Giorgio Moio, Intervista a Marco Palladini…………………. ” 61

LETTURE & RILETTURE
– Alfonso Amendola, Della feroce limpidezza in
Bruno Di Pietro…………………………………………………………. ” 71
– Francesco Aprile, La fiera degl’inganni di Giorgio Moio……………………………………………………………………. … ” 73
– Marilena Cataldini, Riflessioni al varco di un cancello…. ” 75

MOSTRE D’ARTE – EVENTI – NOTIZIARIO ………………… ” 78

CentodAutore: ragioni e autori di una collana di poesia – 5 / Entropia del fuoco

Giorgio Moio @ CinqueColonne – 2018-06-19
http://www.cinquecolonne.it/centodautore-ragioni-e-autori-di-una-collana-di-poesia-5.html#.Wyg5Y12AuI0.facebook

 

Sul finire del 2014 gli artisti visivi Rossana Bucci e Oronzo Liuzzi hanno dato vita per le Edizioni Eureka dell’omonima associazione culturale, alla collana “CentodAutore”. Si tratta di pubblicazioni di poesia dell’area sperimentale di smilzi volumetti di una trentina di pagine in formato A6.

La scelta dei poeti pubblicati è ragionata in base alla qualità, meno per il nome dell’autore, il che rende l’operazione ancora più meritevole. Ogni volumetto è investito di una sorta di “opera unica” (numerate e firmate dall’autore) per via della personalizzazione della copertina, interventata da parte degli stessi, con tecnica e materiale a scelta. Piccoli gioielli di una collezione “ad arte”.

Fino ad oggi sono stati pubblicate dodici opere che qui presentiamo ricorrendo a stralci presi dalle varie prefazioni, corredate da un testo poetico.

*

Entropia del fuoco (2016) è il titolo del volumetto di Francesco Aprile (Lecce, 1985), un giovane poeta verbovisuale, critico, giornalista, curatore, con Cristiano Caggiula, della rivista on line «Utsanga». È scontato che l’entropia del titolo non ha niente a che fare con la termodinamica, di cui l’entropia rappresenta il secondo principio (l’energia non può trasformarsi liberamente da una forma all’altra, ma esistono delle limitazioni). Per Aprile ha una rappresentanza tutta poetica definita come graduale degenerazione di un sistema, tasso di incertezza di un sistema nel tempo:

2015-10-24/25

Il numero degli alberi abbattuti, il numero, l’ombra

e la curva della caduta sul terreno. L’arrivo dell’ombra

sul terreno. Il numero degli striscioni e il numero

delle urla, la marcatura degli accenti e il rosario delle

imprecazioni. L’immagine televisiva raccoglie il fatto

da un punto di vista diffidente. L’ombra e la curva

della caduta sul terreno, l’ombra e una lunga terra

di passi d’elefante. Resistenza d’Annibale contro le

ruspe fa l’albero all’uomo. Sudore rosso di montagne

d’Epiro. Pelle scorticata dalle unghie della terra. Un

negoziato di primavera fa l’inverno calmo sulla rupe

trasparente di questo cielo senza cielo. E fa guerra la

Grecia all’Atlantide del capitalismo. Le strade occupate.

Voyeurismi d’amplesso mediatico. Il successo della

manifestazione dipende dall’onestà dalla complessione

del corpo tonale dalla metrica del dissenso dall’astinenza

da un paesaggio d’informazione. Ora le ruspe gialle, ora

la semenza, ora il grido del gallo di ritorno dalla notte,

di ritorno dalle lotte. Ora l’alfabeto nuovo dei corpi nel

mare. Migliaia di corpi nel mare. (p. 5).

Una poesia socio-politica questa di Aprile che narra sofferenze e diffidenze della gente, flash di corpi materici che denunciano l’arroganza e lo stato comatoso di una società destinata al fallimento, che corre dietro a notizie clamorose mass-mediatiche ma ipnotiche, per rincorrere un successo che sa di sconfitta prima di concretizzarsi. Paradossi e metafore, si rincorrono “… nel crespo delle nuvole al tramonto…”, tra un canto della terra, il corpo della lingua che si rimette in gioco tra “la forma del volo nel vento”, nella luce di una via d’uscita “o solo per trasparente amore”.

Dunque, entropia come direzione, questa proposta di Aprile, o meglio trasformazione del dis-ordine. «Dentro la trasformazione del fuoco, coraggio di caverne le radici che divampano, archèsuperno del Mediterraneo e stretto fra le mani che si consumano, mani di un bracciante, mani che porgono aiuto, mani di chi muore, lì stretto, il fuoco. L’opera di Francesco Aprile è il continuum di un nuovo ritrovato, riacciuffato dalle grinfie retoriche e pedanti, restituito verace nella sua entropia: il Sud, un secondo capitolo della sua materia, un nuovo aspetto che il poeta, indisciplinato indagatore, grida ancora a questa “terra che balorda straborda in bocca in fumo di ansie in rivolta”» (C. Caggiula).

Le ventiquattro poesie che formano questo lavoro di Aprile sono la summa di un tentativo per frenare il sistema corrotto che reca incertezze. E lo fa con l’amore per la sua terra che da sempre ha subito soprusi e trascuratezze dal potere costituito. È lo stesso Aprile a darci una spiegazione, in una nostra recente intervista, ai nostri dubbi: «Entropia del fuoco rappresenta un “secondo capitolo” di un discorso poetico attorno al Mediterraneo, nella continua lavorazione di una lingua meridiana, che segue ad un primo lavoro edito nel 2015. L’opera vuole mantenere uno sguardo critico aperto sull’attualità del Mediterraneo: le morti giornaliere di chi cerca di attraversare il mare, un Sud non idilliaco stravolto dai rifiuti e dall’inquinamento, rapporti clientelari, impatto e prospettiva dei media su questa realtà».

I versi di Aprile, dunque, guardano ai media, quantificando, attraverso  l’informazione, errori e trascuratezze, per una poesia civile e sociale che produce in prospettiva di uno sguardo nuovo del mondo, unitamente al “fuoco” che qui è rappresentato dalla metafora di ricerca e assunzione di responsabilità estrema, con la sua mutevolezza e distruzione, rivelando all’interno delle ceneri di un discorso poetico diverse sfaccettature.